Nov 242012
 
  • Marcus Smart, capofila tra i freshman finora

    Dopo la Tip-Off Marathon della prima settimana, gli appuntamenti immancabili della seconda non possono che essere i vari tornei di inizio stagione che mettono fin da subito la competizione a livelli abbastanza alti, inglobando alcuni tra i possibili protagonisti della stagione.

 

  • Quello più atteso è senz’altro il Maui Invitational, anche stavolta luogo di belle partite ed avvenimenti singolari, come può essere un upset di un college di Division II, Chaminade, su Texas (brutto periodo per le squadre dello stato della stella solitaria contro i college minori), o come Butler, che in due giorni batte Marquette e North Carolina dimostrandosi una vera bestia evitare quando c’è di mezzo un bracket.
    Alla fine non sono riusciti a vincere neanche questa finale, battuti da Illinois e da un Brandon Paul partito fortissimo in queste prime gare, ma soprattutto il nuovo coach John Groce sembra aver dato un’altra vita ad una squadra che veniva da un’annata pessima sotto tanti punti di vista.

 

  • Altro torneo di rilievo che ha dato buoni spunti per valutare due squadre sotto i riflettori è stato il Puerto Rico Tip-Off che in finale ha visto confrontarsi la nuova favorita della ACC secondo gli esperti, North Carolina State, contro la giovane e imprevedibile Oklahoma State che un po’ a sorpresa ha riportato a casa torneo e partita.
    Gli Wolfpack sono sembrati ancora molto poco inseriti nei meccanismi di squadra, in principal modo CJ Leslie, il vero ago della bilancia della stagione, apparso spaesato e tutt’altro deciso nel modo di stare in campo, e questo non può che essere un campanello d’allarme per Gottfried, che anche nella notte precedente se l’è vista brutta contro una squadra mediocre come UNC-Asheville.
    D’altro canto i Cowboys sono una formazione veramente interessante, Marcus Smart è molto più pronto di quello che si pensava, tanto che per il premio di freshman dell’anno si parte da lui in attesa che Noel e Muhammad facciano vedere la loro vera pasta.

 

Continue reading »

Mar 282011
 
  • Ogni anno una favola, è per questo che sono sempre più sicuro che questo è il mese più bello dell’anno dal punto di vista sportivo.

    Dopo la Butler dello scorso anno e la George Mason del 2006, è la volta di Virginia Commonwealth, college con sede a Richmond che fino a due settimane fa aveva come massimo risultato l’upset ottenuto ai danni della ben più quotata Duke nel torneo 2007 grazie al buzzer del play, ora agli Oklahoma City Thunder, Eric Maynor.

    Diciamo che ultimamente ha alzato discretamente il tiro, arrivando al torneo con la seed numero 11, la più bassa dai tempi appunto di George Mason che approdò alle Final Four con lo stesso seed. Al contrario però dei compagni di Colonial, i Rams hanno raggiunto l’evento finale vincendo 5 partite contro squadre delle Power Conference, passando su USC (Pac10), Georgetown (BigEast), Purdue (Big Ten), Florida State (ACC) e la #1 Kansas (Big12).

    Il tutto adattandosi in maniera impressionante ad ogni avversaria, mostrando una versatilità tecnico-tattica incredibile per una midmajor.

    Probabilmente sono ripetitivo, ma molto merito a coach Shaka Smart, una bellissima sorpresa tra i giovani coach.

  • Continue reading »

Mar 232011
 
  • Parto con una considerazione personale, futile ma necessaria: il First Round deve essere contenuto nel tabellone principale.

    Non ha senso leggere come First Round il turno preliminare e come Second la prima partita del tabellone.

    Anche gli upset prendono tutta un’altra piega.

  • Ed anche quest’anno, il Torneo resta più che indigesto alle squadre della BigEast.

    11 squadre portate alla March Madness in pompa magna, con strombazzature sul record di ogni tempi per una Conference e l’impressione che questa potesse essere la volta giusta.

    Sbagliato, ancora una volta.

    Di queste 11 infatti solo in 2 sono riuscite a superare il weekend, quella che continua il periodo di forma strepitosa, ovvero UConn, e quella ammessa con il seed più basso della Conference, Marquette.

    Nel prim… pardon, secondo turno se ne sono andate StJohn’s, Georgetown, Louisville e ovviamente Villanova, mentre nella due giorni dopo invece è stato il turno delle due capofila, la #1 Pittsburgh (2a volta consecutiva) e la #2 Notre Dame, la #3 Syracuse, West Virginia e Cincinnati. Ben 7 di queste sono state vittima di upset.

    Continue reading »