Profile: Kevin Murphy

Altezza: 198 cm
Peso: 89 kg
Ruolo: SG/SF
College: Tennessee Tech
Classe: Senior
Data di Nascita: 06/03/1990
Best case scenario: Anthony Parker
Worst case scenario: Qyntel Woods

 

Pro

  • Alto e longilineo per il ruolo di ala piccola
  • Scorer completo con un paniere di soluzioni offensive variegato, in particolare per quanto concerne il jumper
  • Grazie alla statura e all’ottimo uso di finte (esistazioni, pump fake) è in possesso di uno step back jumper difficilmente stoppabile come soluzione primaria
  • Ottimo tiratore da 3, buon range e meccanica fluida, da lavorare sulla velocità di rilascio.
  • Buon atletismo e velocità di piedi, sa attaccare il canestro con entrambe le mani anche se predilige la destra per arrivare all’anello
  • Ottimo gioco senza palla, sa sfruttare bene blocchi e spaziature

 

Contro

  • Deve irrobustirsi muscolarmente per poter reggere meglio i contatti al livello superiore
  • Ha difficoltà a raggiungere l’anello a causa dei limiti di struttura fisica, pertanto la maggior parte del suo potenziale offensivo è nel mid-range game e oltre l’arco da 3 punti
  • Mediocre tiratore di liberi, specie se comparato alle percentuali oltre l’arco dei tre punti
  • Deve lavorare anche a livello mentale, relativamente poco altruista e tende a perdersi quando il tiro inizia a non entrare
  • La statura e la velocità di piedi lo renderebbero un difensore potenzialmente interessante, ma l’attitudine e i fondamentali difensivi sono rivedibili

 

Kevin Murphy ha dalla sua la maturità derivante dall’aver speso tutti e 4 gli anni di eleggibilità accademica, oltre che un biglietto da visita che parla di 21,1 punti, 5,3 rimbalzi e 2,4 assist nella sua ultima stagione con la maglia di Tennessee Tech.

La OVC è una conference piuttosto competitiva nel mondo delle mid-major con diversi prospetti NBA come Caanan e Covington contro cui confrontarsi, pertanto Murphy si presenta a questo draft con delle solide credenziali per essere selezionato al secondo giro.

Sleeper dal potenziale intrigante, se lo sviluppo fisico e un approccio mentale più assertivo lo accompagneranno, potrebbe diventare un ottimo scorer dalla panchina, grazie al jump shot mortifero ed al piazzato da 3 punti molto affidabile.

comments

Davide Bortoluzzi

Nasce nella terra del radicchio nell’inverno del 1986, dopo i primi approcci nelle corsie di nuoto si rende conto che l’appeal del parquet è decisamente superiore. Si avvicina al basket complici le vicende della prima Benetton di Mike D’antoni e da quel momento la passione ha continuato a crescere nel corso degli anni. Ex arbitro di serie C, collabora con alcune testate all’interno del web come PlayItUsa e BasketNet, occupandosi prevalentemente di NCAA e di pallacanestro europea. Laureato in Ingegneria Gestionale non ha ancora ben capito cosa fare della propria vita…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>